<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://px.ads.linkedin.com/collect/?pid=6542337&amp;fmt=gif">

Utensili per presse piegatrici: matrici, punzoni

Spesso il reparto di piegatura è l'area meno efficiente di un'azienda produttiva, perché spesso è dove nascono le inefficienze che causano ritardi, spreco di materiale e perdita di produttività. Ciò avviene per una serie di motivi, da valutazioni errate nella scelta della macchina, ad una gestione inefficiente della zona lavoro, fino alla configurazione errata della macchina. A tal proposito, abbiamo scritto una guida esaustiva sulle principali componenti di una pressa piegatrice.

Quando si adottano le giuste accortezze, tuttavia, il reparto di piegatura può diventare un esempio virtuoso di gestione del lavoro. Uno dei tanti aspetti sui quali si cerca di lavorare per migliorare la fase di piegatura della lamiera ruota attorno alla riduzione dei tempi di attrezzaggio degli utensili della pressa piegatrice.

Infatti, l'attrezzaggio e la movimentazione dei materiali sono i due momenti in cui si nascondono la maggiore quantità di sprechi di tempo. Ecco perché ottimizzare entrambi le fasi, unita ad una gestione del lavoro ottimale come spiegato in questo articolo, risulta fondamentale per aumentare la produttività ed eliminare le fonti di spreco. 

Parlando di utensili per presse piegatrici, è importante valutare la tipologia di attrezzaggio e scegliere il sistema di bloccaggio più adatto alle tue esigenze.
  • bloccaggi manuali;
  • bloccaggi semi-automatici;
  • bloccaggi pneumatici;
  • bloccaggi idraulici;

Tipologie di bloccaggio utensili: europeo vs americano

Lo standard più diffuso è quello chiamato “europeo” con gli intermediari Promecam, in tutte le sue derivazioni e miglioramenti. Esistono intermediari Promecam con bloccaggio manuale, pneumatico, idraulico, attacco rapido, ecc.

Bloccaggio utensili superiori automatico pneumatico di tipo PROMECAM su pressa piegatrice VICLAQuesti intermediari fanno da “cuscinetto” tra gli utensili e il pestone e, solitamente, sono dotati di un cuneo posteriore con il quale se ne regola l’altezza, correggendo di fatto la chiusura degli angoli.

Hanno spesso delle placchette che possono essere smontate per consentire l’installazione di utensili rovesci, se ve ne fosse bisogno. Gli utensili adatti a questo standard hanno una sagoma asimmetrica e una non coassialità tra la punta e la base

L’altro standard (in realtà ne racchiude diversi) è quello che utilizza utensili generalmente più alti e, soprattutto, coassiali. La differenza ulteriore che si nota è l’assenza di intermediari tra utensili e pestone: i punzoni vengono fissati direttamente alla traversa mediante diversi tipi di attacco. Un modello molto diffuso è l’attacco Wila. Anche le matrici vengono fissate sul banco in maniera diversa a seconda dello standard.

Bloccaggi manuali

È una soluzione basica indicata per produzioni con pochi cambi di utensile. Prevede l'estrazione e l'inserimento laterale degli utensili; il bloccaggio avviene tramite una brugola.

Bloccaggio semi-automatico

Il sistema che abbiamo sviluppato in VICLA è un bloccaggio manuale semi-automatico con sistema di aggancio-sgancio rapido frontale del punzone. Il funzionamento è molto semplice e, rispetto a un altra soluzione manuale tradizionale, consente di riattrezzare la macchina più velocemente e agilmente.

Mediante lo spostamento della leva di bloccaggio, infatti, rilasci il punzone per sfilarlo frontalmente; mentre, al momento della chiusura, il punzone viene automaticamente richiamato in battuta e allineato perfettamente.

Il grande vantaggio di questo bloccaggio è il dimezzamento del tempo di attrezzaggio: nel caso di una piegatrice da 4 metri, ad esempio, il completo riattrezzaggio passa da 8 minuti a circa 4 minuti

Bloccaggi Automatici

I sistemi di bloccaggio utensili di tipo automatico permettono di attrezzare la pressa piegatrice in assoluta sicurezza. Gli utensili vengono automaticamente allineati, posizionati e fissati. Con questa soluzione riduci drasticamente il tempo di attrezzaggio e aumenti notevolmente la produttività.

In VICLA disponiamo di due soluzioni: 

1) Bloccaggi pneumatici PROMECAM per punzoni con sgancio rapido frontale.

I bloccaggi pneumatici possono essere superiori, per i punzoni, o inferiori, per le matrici.

Diventano un accessorio molto utile quando siamo in presenza di tipologie produttive che prevedono un alto numero di attrezzaggi macchina o macchine lunghe oltre i 4 metri.

Caratteristiche tecniche principali del bloccaggio pneumatico superiore VICLA modello BPI, incorporato negli intermedi:

  • attacco standardizzato tipo “promecam” con scanalatura di sicurezza
  • inserimento frontale
  • autoallineamento
  • ottimo bloccaggio anche dei frazionati più piccoli
  • possibilità di smontaggio e ripristino di singoli intermedi per varie esigenze produttive mantenendo comunque la funzionalità degli altri
  • possibilità di utilizzare stampi esistenti o reperibili direttamente dal cliente
  • possibilità di spostare gli intermedi come quelli normali
  • dispositivo di regolazione a cunei come per gli intermedi normali
  • gli utensili possono essere rivolti in entrambi i sensi
  • tubi di collegamento in posizione protetta
  • dimensioni contenute per consentire le più ampie possibilità di manovra

Caratteristiche tecniche principali del bloccaggio pneumatico inferiore VICLA, modello BPB, incorporato nel banco:

  • staffe continue per tutta la lunghezza del banco
  • dimensioni contenute per consentire le più ampie possibilità di manovra

2) Bloccaggi idraulici WILA per punzoni con aggancio diretto sulla traversa superiore.

Questo tipo di bloccaggio per i punzoni possiede gli  stessi vantaggi del modello BPI ma con alcune varianti. Si tratta di un attacco centrale a disegno WILA e viene montato senza intermedi.

Essendo ad attacco centrale il punzone può essere montato rivolto nell’uno o nell’altro senso indistintamente. Viene consigliato soprattutto per le macchine oltre le 3000 ton, dove gli intermedi hanno una capacità di carico insufficiente.

ATC VICLA: il sistema di cambio utensili con magazzino automatico

Il sistema ATC VICLA, ovvero un magazzino automatico per l'attrezzaggio degli utensili della piegatrice è una soluzione moderna e all'avanguardia che assicura prestazioni eccezionali nel tempo.

Nel sistema di cambio utensili automatico VICLA, le presse piegatrici collegate al magazzino automatico sono dotate di un sistema ibrido composto da circuito esclusivo per ogni cilindro che permette alle macchine di ottimizzare al massimo l'energia e la potenza necessari per lavorare la lamiera.

Vantaggi:

  1. Aumento della produttività aziendale
  2. Diminuzione dei tempi di attrezzaggio
  3. Tempi di produzione accorciati
  4. Diminuzione dei costi
  5. Grande fluidità del lavoro
  6. Software per programmazione da ufficio

manuale pressopiegatura pdf

 

Sullo stesso argomento

Come scegliere una pressa piegatrice in tandem: la guida definitiva

Quando si parla di presse piegatrici tandem si fa riferimento ad una particolare configurazione che...

Continua a leggere

Fotocellule per presse piegatrici: cosa sono, come funzionano

La sicurezza degli operatori alla pressa piegatrice avviene tramite l'adozione di protezioni...

Continua a leggere

Affidabilità, precisione e qualità, Vicla per Carpenteria Fossano

La Carpenteria Fossano opera dal 1974 nel settore metalmeccanico della carpenteria di precisione,...

Continua a leggere